Iron Man

IRON MAN di Jon Favreau. Con Robert Downey Jr., Gwyneth Paltrow, Jeff Bridges, Terrence Howard. Usa, 2008. Fantastico.

Tratto dall’omonimo fumetto della Marvel Comics, Iron Man è il film d’esordio alla produzione dei Marvel Studios. Dietro il supereroe stavolta si nasconde Tony Stark, un miliardario industriale, mercante d’armi, che durante una dimostrazione in Afghanistan viene rapito dai terroristi, che gli chiedono di fabbricare missili anche per loro. Stark riesce invece a costruire un’armatura per sé e ad usarla per fuggire. Tornato alla civiltà, profondamente cambiato dall’esperienza, scoprirà che il suo collega e mentore Obadiah Stane ha venduto armi sottobanco ai terroristi per anni. Costruisce allora un’altra armatura e, per proteggere le persone che lui stesso ha messo in pericolo, diventa Iron Man, un moderno cavaliere in armatura scintillante.

Stan Lee volle andare contro corrente creando Iron Man: erano gli anni del Vietnam e delle manifestazioni giovanili, ed un supereroe capitalista e fabbricante d’armi era proprio l’opposto di ciò che la gente si aspettava. Il film riesce a mantenere questo spirito di base: il Tony Stark di Downey Jr. è eccentrico, capriccioso, a tratti infantile, si concede tutto ciò che può avere senza chiederlo. E’ lo stereotipo di qualsiasi divo miliardario, l’ultimo da cui ci si aspetterebbe di combattere per la pace del mondo. La storia è stata aggiornata: Stark viene rapito in Afghanistan invece che in Indocina, e la minaccia che incombe continuamente sul mondo civilizzato non è più quella comunista ma quella del terrorismo organizzato. Nonostante le apparenze, però, Iron Man è un eroe anti-americano (almeno per quanto riguarda l’attuale politica), che non accetta più la vendita delle proprie armi perché ha provato di prima mano quali sono gli effetti sulle persone che negli scontri rimangono coinvolte. Bravo Favreau, che riesce a non trascurare alcuno dei suoi personaggi o degli aspetti della storia. Un film divertente, che entusiasma i fan senza escludere i neofiti. Cameo di Stan Lee, che viene scambiato per Hugh Hefner, e di Samuel L. Jackson, che compare alla fine dei titoli di coda come il direttore dello S.H.I.E.L.D., Nick Fury.

TITOLO ORIGINALE: Iron Man

Annunci

1 Comment

  1. Mi è piaciuto…però in alcuni tratti mi è sembrato lento…certo ho apprezzato l’analisi interiore del protagonista…una delle più originali…ma secondo me (modesto parere) il film mancava di ritmo…quasi da far sentire le sequenze di lotta estranee al film stesso. Le colonne sonore sono da orgasmo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...