Star Wars, episodio VI – Il ritorno dello Jedi

STAR WARS, EPISODIO VI – IL RITORNO DELLO JEDI di Richard Marquand. Con Mark Hamill, Harrison Ford, Carrie Fisher, Ian McDarmid. Usa, 1983. Fantastico.

Ultimo capitolo della trilogia classica e di tutta la saga di Star Wars, Il ritorno dello Jedi è anche il primo a fare uso di tecnologia digitale. La storia comincia un anno dopo L’Impero colpisce ancora: Han Solo è prigioniero del malvagio signore del crimine Jabba the Hutt ed i suoi amici stanno da tempo cercando di salvarlo. Leia si traveste da cacciatore di taglie e si infiltra con Chewbacca, Lando si camuffa da guardia di palazzo, C3-PO e R2-D2 entrano al servizio dell’Hutt e Luke, che ha terminato il proprio addestramento Jedi, è pronto finalmente a salvare l’amico. Nel frattempo, Darth Vader e l’Imperatore stanno supervisionando alla costruzione di una nuova Morte Nera, ancora più potente della precedente.

Gran finale per la saga di Lucas: Anakin aka Darth Vader (che è il vero protagonista della serie) completa il suo percorso di caduta e redenzione e porta finalmente a termine la profezia che lo riguarda, liberando la galassia, ed il proprio cuore, dal Male. L’inizio nel palazzo di Jabba è epico, quasi cavalleresco, con Luke nella parte del cavaliere errante che si inoltra nel castello del re malvagio ed affronta il drago. In generale, tutto Il ritorno dello Jedi è più fiabesco dei capitoli precedenti: tutta la parte su Endor richiama l’immaginario infantile, l’Imperatore Palpatine ricorda molto da vicino la strega di Biancaneve e i sette nani, durante la festa finale si potrebbe benissimo immaginare una scritta in sovrimpressione: “E vissero per sempre felici e contenti”. Un ingresso nell’immaginario fiabesco è quasi inevitabile: in questo film, tutto ciò che è rimasto è lo scontro primigenio, quello fra Bene e Male, nella storia come all’interno del personaggio di Vader. Lucas orchestra talmente bene la vicenda, avvalendosi dell’indubbio talento di Marquand dietro la macchina da presa, che la sua space opera trova un finale degno del suo principio, con ogni tassello che torna a posto. Il cast è al suo meglio: Mark Hamill finalmente assume il ruolo dell’eroe a tutto tondo, Harrison Ford è sempre più sarcastico e carismatico, Carrie Fisher, stupenda con il costume iniziale, assume toni più dolci, in contrasto con la natura forte e battagliera del personaggio, Ian McDarmid dà un nuovo significato alla parola “cattivo”. John Williams regala alcune delle migliori musiche del suo repertorio, rendendo la colonna sonora a tutti gli effetti co-protagonista del film. Il titolo originariamente doveva essere Revenge of the Jedi, ma Lucas concluse che uno Jedi non si vendica, scartando il titolo; titolo e logo originali del film sono stati riutilizzati per Revenge of the Sith, l’ultimo capitolo della nuova trilogia. Finale eccezionale per una saga leggendaria.

TITOLO ORIGINALE: Star Wars, Episode VI – Return of the Jedi

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...