Uno su due

UNO SU DUE di Eugenio Cappuccio. Con Fabio Volo, Anita Caprioli, Giuseppe Battiston, Paola Rota. Italia, 2006. Drammatico.

Tratto dal soggetto di Michele Pellegrini Ci vediamo lassù, Uno su due è stato presentato al Festival del Cinema di Roma. Trentenne avvocato di Genova, Lorenzo vede la propria carriera decollare come mai prima d’ora, accumulando un successo dietro l’altro. Col suo fare arrogante ed ambizioso, trascurando spesso l’etica professionale, Lorenzo è riuscito ad arrivare in vetta. Tutto va bene finché, un giorno, Lorenzo sviene per strada: sono le avvisaglie di quello che potrebbe essere un tumore al cervello. Scoraggiato e rassegnato, il ragazzo conosce in ospedale Giovanni, un uomo sulla cinquantina, che gli mostra un attaccamento alla vita ed una serenità stupefacenti. Fra i due nascerà una profonda amicizia, che porterà l’avvocato a porsi alcune domande sulla sua vita.

Il merito di Cappuccio è principalmente quello di aver costruito, in Uno su due, una storia completamente priva di retorica e di facili buonismi, una storia sincera, diretta, semplice, che parla ai cuori prima che alle menti. Il film racconta una caduta con tanto di redenzione e risalita: dall’illusione di una vita perfetta allo sgretolamento di ogni punto di riferimento, per poi arrivare alla scoperta di cosa sia in realtà la vita e ad un cambiamento totale di prospettive. E’ proprio la dimensione dell’altro e dell’alto a guidare i passi di Cappuccio: continui riferimenti religiosi che appaiono durante il film, un volo in deltaplano che è la voglia di volare e di raggiungere il cielo, questi ed altri dettagli dimostrano una profonda volontà di apertura, spirituale e sociale. Fabio Volo è bravo, come aveva già dimostrato nelle sue precedenti esperienze cinematografiche, e qui riesce a calarsi bene nella vita (distrutta) del suo personaggio. La scena, comunque, è tutta di Ninetto Davoli, ex attore feticcio di Pasolini ed ancora capace di regalare grandi emozioni. Anche Batiston, pur nel suo essere caratterista, rimane un grande interprete, e spesso ruba la scena allo stesso Volo. Decisamente sprecata la Caprioli, il cui ruolo rimane un po’ troppo ai margini. Stupenda la colonna sonora di Francesco Cerasi, che sostiene la spinta verso l’alto che il film vuole trasmettere. Una curiosità: nella scena del parapendio Volo non ha voluto alcuna controfigura, ma è svenuto in volo a causa delle imbracature troppo strette, rischiando di precipitare.

TITOLO ORIGINALE: Uno su due

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...