Desert Vampires

DESERT VAMPIRES di J. S. Cardone. Con Kerr Smith, Brendan Fehr, Izabella Miko, Jonathan Scaech. USA, 2001. Horror.

Scritto e diretto da J. S. Cardone, Desert Vampires rientra nel filone dei desert horror. Sean, montatore di film di serie B, deve portare un’automobile da una costa all’altra dell’America. Lungo il tragitto, prende con sé l’autostoppista Nick, e poco dopo una ragazza, Megan, che sembra in stato di shock. E’ a questo punto che Nick gli rivela di essere un cacciatore di vampiri, e che la zona in cui stanno viaggiando è il terreno di caccia di uno dei più antichi e potenti, Kit. Dopo un momento di iniziale incredulità, Sean dovrà rassegnarsi ad aiutare Nick nella sua crociata per uscire vivo dal deserto.

Cardone si è fatto un nome come regista e sceneggiatore di B-movies mostruosamente brutti, come The Covenant o La mummia e l’armadillo. Strano, quindi, vederlo dietro la macchina da presa di questo Desert Vampires, che se non è un capolavoro, sicuramente rispetta i canoni del genere e non fa rimpiangere del tutto la visione. Certo, alla fine risulta essere poco più che un mix del bel Vampires di John Carpenter e de Il buio si avvicina di Kathryn Bigelow, gli attori, tutti televisivi, sono poco più che dilettanti e la trama presenta numerosi buchi, ma nel complesso il film scorre bene senza troppi singhiozzi, si vede tranquillamente e, sebbene non lasci niente di memorabile, è abbastanza per divertirsi. Il vampirismo viene palesemente usato come metafora per l’AIDS, come ci fanno capire alcuni dettagli: la zona in cui è stata morsa Megan, il fatto che i contagiati devono prendere un mix di medicine per un tot di tempo prima che il morbo abbia del tutto effetto, i continui eccessi sessuali dei vampiri. Johnathon Schaetch non è, purtroppo, un cattivo memorabile, non ha abbastanza charme né cattiveria per rimanere impresso, prova ad imitare Gerard Butler in Dracula’s Legacy o Thomas Ian Griffith nel già citato Vampires, ma con scarsissimo successo. I due protagonisti sembrano presi di peso da serial come Buffy o Angel, dando un tocco di “casereccio” al tutto, come alla fine c’era da aspettarsi. Evitabile e vedibile, non dà niente in un senso o nell’altro.

TITOLO ORIGINALE: The Forsaken

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...