Orizzonti di gloria

ORIZZONTI DI GLORIA di Stanley Kubrick. Con Kirk Douglas, Ralph Meeker, Adolphe Menjou, George Macready. USA, 1957. Guerra.

Tratto dall’omonimo romanzo di Humphrey Cobb, Orizzonti di gloria è il quarto lungometraggio di Kubrick. Durante la Prima Guerra Mondiale, sul fronte franco-tedesco, il generale Mireau viene convinto con la promessa di una promozione ad attaccare il Formicaio, una fortificatissima roccaforte tedesca considerata imprendibile. Contrario all’operazione ma costretto ad obbedire agli ordini, il colonnello Dax guida personalmente l’attacco, che risulta in un fallimento totale. Per punire le truppe della mancata presa del forte, Mireau ordina a Dax di selezionare tre dei suoi uomini e di fucilarli per la loro codardia. La selezione dovrebbe essere casuale, ma ovviamente vecchi rancori tornano a galla…

Primo film di guerra di Kubrick, Orizzonti di gloria si distacca subito dai suoi predecessori per quanto riguarda il modello narrativo. Sebbene sia un film di guerra, infatti, tutta la narrazione si concentra su uno solo degli eserciti coinvolti ed il “nemico” rimane invisibile, assumendo tratti se non proprio metafisici sicuramente universali. Non sono i “sentieri della gloria” del titolo ad essere rappresentati, ma l’orrore della guerra, la miseria di una quotidianeità in cui la dignità umana è continuamente calpestata, in cui la costante paura della morte porta le persone a fare cose che non avrebbero mai immaginato; ogni singolo personaggio nel film altro non è che la pedina di altri, e chi si rifiuta di essere manovrato finisce immancabilmente col perdere la propria vita, od ogni speranza di poterla vivere. Passionale, sanguigno, emotivo senza essere pietista, commovente di una tristezza assoluta perché condivisa dall’intero genere umano: il pessimismo cosmico di Kubrick ha modo di manifestarsi a più riprese nei soldati come negli ufficiali, per poi esplodere in uno dei più bei finali della storia del cinema (che Kubrick avrebbe dovuto cambiare perché troppo negativo, secondo la produzione, ma Douglas convinse il regista ad ignorare i produttori e lasciare il finale invariato). Nessun attore è fuori posto o fuori ruolo: Kirk Douglas è un titano, trasforma il proprio personaggio in una persona in carne ed ossa, tanto da permettere l’identificazione ed il coinvolgimento assoluto dello spettatore; George Macready resta impresso come uno dei personaggi più odiosi della storia del cinema, che pure sconcerta nella sua banalità e nella facilità con cui simili persone si incontrano nella vita reale (il suo Mireau, peraltro, è stata la causa principale della censura del film in Francia, in cui fu ammesso solo alla fine degli anni ’70); Adolphe Menjou sconcerta e intristisce: unico personaggio apparentemente positivo, il suo generale Broulard si rivela essere come ogni altro ufficiale d’alto rango presente nel film; Ralph Meeker, Timothy Carey e Joseph Turkel rappresentano egregiamente tre modi che ha l’uomo di affrontare la morte e l’ingiustizia, rendendo idealmente presente tutti gli esseri umani. Splendida la colonna sonora di Gerald Fried, che scava nell’anima dello spettatore e lo coinvolge sempre di più nella vicenda umana raccontata. Un capolavoro senza tempo, intramontabile, uno dei più bei film della storia del cinema, assolutamente imperdibile.

TITOLO ORIGINALE: Paths of Glory

Annunci

1 Comment

  1. Sono completamente d'accordo con te su questo film: è un capolavoro assoluto, probabilmente quello che più di qualunque altro nel suo genere esprime la più severa condanna verso la guerra e verso chi la organizza ma manda gli altri a morire sul campo. Ottime interpretazioni dei vari attori, su tutti un grande Kirk Douglas. Film coinvolgente e commovente, il mio preferito del mitico Stanley Kubrik.Ciao e complimenti per l'ottima recensione e per il blog!Francesco

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...