Giù per il tubo

GIÙ PER IL TUBO di David Bowers, Sam Fell. Con (voci) Hugh Jackman, Kate Winslet, Ian McKellen, Jean Reno. USA, GB, 2006. Animazione.

Terza collaborazione fra DreamWorks e Aardman Animation, Giù per il tubo è anche il primo film realizzato completamente in CGI della Aardman. Il ricco e viziatissimo topo Roddy, che vive in un lussuoso appartamento a Kensington, viene gettato nello scarico dal rozzo e maleducato Sid, un ratto di fogna che vuole prendere il suo posto. Arrivato nelle fogne, Roddy si mette subito alla ricerca di un modo per tornare in superficie, ma, inesperto del mondo e imbranato, finisce con l’aggravare la guerriglia in corso fra Rita, un’avventuriera, e il Rospo, il signore delle fogne. Proprio questa sua imbranataggine porterà i due topi a scoprire il diabolico piano del Rospo…

Dopo Galline in fuga e Wallace & Gromit: La maledizione del coniglio mannaro, la DreamWorks di Spielberg e l’inglese Aardman rinnovano il proprio sodalizio con questo Giù per il tubo. Differentemente dagli altri film, stavolta la massiccia presenza d’acqua nella storia ha costretto gli animatori della Aardman a lasciar perdere le figure di plastilina, adottando il CGI, ma il software usato per l’animazione riproduce perfino le imperfezioni della lavorazione manuale dei “pupazzi”, mantenendo in qualche modo la tradizione della casa di produzione inglese. Giù per il tubo risulta essere perfino migliore delle collaborazioni precedenti: divertente, cattivo, cinefilo, sposa alla perfezione il graffiante humour inglese allo stile movimentato e goliardico dei film americani. Di citazioni ce n’è a bizzeffe: dalle precedenti creature delle due case di produzione (Madagascar, Wallace & Gromit, Rex the Runt) a miti cinematografici (007, Marcel Marceau, X-Men, la serie Tv Batman, Star Wars), fino alle immancabili frecciatine nei confronti della rivale Disney (Alla ricerca di Nemo, Lilli e il vagabondo). Il cast all-star dà il meglio di sé (nella versione originale, s’intende): Hugh Jackman veste i panni della versione “topesca” del suo personaggio di Kate & Leopold, tendendo stavolta alla satira; Ian McKellen dà voce ad un cattivo con velleità shakespeariane, ridicolo nella sua pretesa maestosità; Kate Winsley è l’emancipatissima Rita, che dà a tutti lezioni di vita e di autonomia; Jean Reno si diverte col suo Le Ranocchiò a giocare sugli stereotipi dei francesi “ranocchi”, giustappunto, mischiando il tutto con i suoi precedenti Leon e Nikita; Bill Nighy (il Davy Jones di Pirati dei Caraibi) interpeta il grosso e tonto Bianchino (Whitey in originale), una sorta di parodia di alcuni cattivi di 007; Andy Serkis (il Gollum de Il Signore degli Anelli) è invece il cattivissimo e nevrotico Arpio (Spike in originale), divertentissima presa di giro di vari sicari cinematografici. La trama è abbastanza movimentata da divertire i più piccoli senza annoiare i “già cresciuti”, e il numero di citazioni e battute allusive rende il film irresistibile anche per un pubblico adulto. Trovata assolutamente geniale quella delle lumache canterine, il coro della vicenda, che non possono non conquistare. Un film inaspettato, ma decisamente benvenuto.

TITOLO ORIGINALE: Flushed Away

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...