Watchmen

WATCHMEN di Zack Snyder. Con Jacky Earle Haley, Patrick Wilson, Malin Akerman, Billy Crudup. USA, 2009. Fantastico.

Tratto dall’omonima graphic novel di Alan Moore e Dave Gibbons, Watchmen è il terzo film (e secondo cinefumetto) di Zack Snyder. 1985: dopo aver vinto in Vietnam grazie all’intervento del superuomo Dottor Manhattan ed essere stato rieletto presidente degli USA per la quinta volta, Nixon è ad un passo dalla guerra nucleare con la Russia. Nel frattempo, qualcuno uccide il Comico, un ex-giustiziere mascherato diventato agente governativo. Ad indagare sull’omicidio c’è l’unico eroe mascherato che non si è ritirato in seguito alla legge Keene, che dichiarava fuori legge tutte le maschere: Rorschach. Convinto di essere di fronte ad un killer di supereroi, Rorschach si rimette in contatto con i suoi vecchi compagni: Nite Owl, Silk Spectre, Ozymandias e Dottor Manhattan.

Se si pensa che i diritti cinematografici di quella che è dichiarata la migliore storia a fumetti di tutti i tempi (Times l’ha perfino inserita fra i cento migliori romanzi dell’ultimo secolo) sono stati acquistati nel 1988, anno successivo alla sua realizzazione, quella di Watchmen appare come una delle produzioni più complesse di sempre. Effettivamente, così è: da uno script rivisto e corretto decine di volte, col timone della regia passato da tanti nomi (Terry Gilliam ed Aronofsky, tanto per citarne due), attraverso lotte per la proprietà dei diritti (Warner e Fox se lo sono conteso fino a poco prima dell’uscita) ed i boicottaggi ideologici del maestro Moore (che ha chiesto di essere cancellato dai crediti del film, così come aveva già fatto per i suoi precedenti lavori portati sul grande schermo), si è finalmente arrivati alla versione di Zack Snyder, giovane rampollo di Hollywood già conosciuto dagli appassionati di fumetti grazie al suo 300. Frank Miller però non è nemmeno lontanamente all’altezza di Alan Moore, ed i dubbi sulla scelta del regista erano tanti e fondati. Fortunatamente (miracolosamente), Snyder non delude del tutto le aspettative, riuscendo a confezionare un film che è adattamento del lavoro di Moore, e non sua copia calligrafica, trovando il giusto equilibrio fra stile personale e spirito del fumetto. La caratterizzazione dei personaggi è ottimamente riuscita, specie grazie ad un cast inaspettatamente appropriato: niente grandi nomi, tanti illustri sconosciuti che si calano anima e corpo in un’opera sofferta quanto attesa. Particolarmente azzeccate le scelte per il brutale e sociopatico Rorschach ed il sadico e violento Comico. Gli effetti speciali non fanno rimpiangere niente, sebbene l’abuso dei ralenty, ormai una firma del regista, stanchino più di una volta; le ambientazioni sono ricostruite al dettaglio, quelle fisiche come quelle politico-sociali, pur sacrificando inevitabilmente qualcosa del complesso universo creato da Moore e Gibbons. Watchmen ha due nei particolarmente vistosi: l’assoluta incapacità di Snyder di gestire la colonna sonora, un vero peccato considerato il materiale a disposizione (fra tutte, la splendida The times they are a-changing di Bob Dylan, che il cantautore ha messo a disposizione di Snyder essendo lui stesso un fan della graphic novel), ed una violenza più compiaciuta ed insistita che altro, che se si adatta bene a determinate scene, risulta assolutamente superflua e gratuita in altre. Nonostante la durata considerevole del film, questa non è la versione integrale, che comprenderebbe anche il diario del primo Nite Owl (tristemente tradotto Gufo Notturno nella versione italiana del film) ed I racconti del Vascello Nero, storia nella storia che scorre parallelamente alle avventure dei protagonisti. Così, il fumetto che ha rivoluzionato per sempre il modo di concepire il supereroe è finalmente diventato un film, film che riesce nell’intento di riproporre le tematiche di Moore & Gibson senza trovarsi a scendere ad un diretto confronto con loro (prova che sarebbe persa in partenza), e che in un certo modo riesce a farsi piacere e comprendere da un pubblico più vasto del previsto. Stavolta, Snyder riesce piacevolmente a sorprendere.

TITOLO ORIGINALE: Watchmen

Annunci

2 Comments

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...