Star Trek

STAR TREK di Robert Wise. Con William Shatner, Leonard Nimoy, DeForest Kelly, James Doohan. USA, 1979. Fantascienza.

Primo film tratto dall’omonima serie creata da Gene Roddenberry, Star Trek ricevette una nomination all’Oscar per la Migliore Colonna Sonora (Jerry Goldsmith). Quando una misteriosa nebulosa comincia ad avvicinarsi alla Terra distruggendo chiunque si trovi sul suo cammino, l’ammiraglio Kirk decide di riprendere il comando della sua vecchia nave, l’Enterprise. Dopo aver radunato il vecchio equipaggio, Kirk si ricongiunge anche a Spock, che scopre, con i suoi poteri telepatici, una potente entità aliena nascosta all’interno della nebulosa, che chiama se stessa V’ger. L’unica speranza che la Terra ha di salvarsi è riposta nella USS Enterprise e nel suo equipaggio.

Quando Guerre Stellari uscì al cinema, era in lavorazione presso gli studi della Paramount Star Trek: Phase II, una seconda serie televisiva sequel dell’originale creata da Roddenberry, con tutti i protagonisti della prima (tranne Spock, dato che Nimoy non se la sentiva di girare un’altra intera serie) e nuovi personaggi. Visto però il successo di quello che negli anni si rivelerà essere il maggior rivale di Star Trek, lo Star Wars di Lucas, la produzione decise di interrompere la lavorazione di Phase II per far approdare al cinema l’universo creato da Roddenberry. Il risultato fu talmente incoraggiante da dare il via ad una serie di film perfino più longeva della serie tv. Il film di Star Trek ha il merito di riproporre praticamente invariato, come compendio per i fan e guida propedeutica per i neofiti, quelli che sono i tratti principali dell’ampio universo concepito nel telefilm: la sete di sapere, la passione per l’esotico e l’esplorazione, un positivismo d’avanguardia che vede nella scienza la possibilità di unificare gli esseri umani (e non solo) in una pace duratura ed in una società avanguardistica. Il limite principale, invece, sta nella mancanza di ritmo del film, con Wise che tenta di riproporre al cinema le tempistiche che sul piccolo schermo funzionano egregiamente, ma che non hanno altrettanta efficacia sul grande: a tratti lento, spesso dispersivo, con le sue due ore e più di durata Star Trek rischia seriamente di annoiare, in un momento in cui autori e cast devono ancora adattarsi al nuovo medium. Ai protagonisti della serie, sempre eccezionali nei panni che li hanno resi celebri, si aggiungono l’indiana Persis Khambatta nel ruolo del tenente Ilia, e Stephen Collins in quello del capitano Decker, entrambi personaggi pensati per essere nuovi comprimari in Phase II e riciclati nel film. Splendida poi la colonna sonora di Goldsmith, ormai diventata leggenda, che si vide strappare l’Oscar da Georges Delerue (Una piccola storia d’amore). Più che un traguardo, questo primo film rappresenta una fase di passaggio, di trasformazione, che vede Star Trek prepararsi ad affrontare una saga cinematografica destinata a durare un trentennio e più.

TITOLO ORIGINALE: Star Trek

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...