Dragonball Evolution

DRAGONBALL EVOLUTION di James Wong. Con Justin Chatwin, Emmy Rossum, Chow-Yun Fat, James Marsters. USA, Hong Kong, 2009. Fantastico.

Tratto dal manga Dragon Ball di Akira Toriyama, Dragonball Evolution è la terza trasposizione live-action del celebre fumetto. Il giovane liceale Goku è impopolare a scuola, ma è in realtà un grande guerriero, esperto in arti marziali. Quando l’antico demone Piccolo torna in vita ed uccide il nonno di Goku, Son Gohan, il ragazzo decide di mettersi in viaggio per impedire a Piccolo di riportare in vita anche il suo potente discepolo, Oozaru. Per la sua missione, Goku sarà accompagnato dalla spigliata Bulma, dal maestro di arti marziali Muten, dalla guerriera Chici e dal brigante Yamcha.

Molti fan di Toriyama hanno storto il naso alla notizia di un remake americano del celebre manga giapponese, probabilmente il più conosciuto e seguito del mondo. Quando poi alla regia approdò James Wong, che aveva approcciato il genere solo con l’orribile The One con Jet Li, i dubbi si erano presto trasformati in timori. Più che fondati, purtroppo. Dragonball Evolution, che all’attivo è la terza trasposizione in live-action del manga di Toriyama (se proprio si vogliono contare le precedenti due), è a tutti gli effetti un fiasco totale. Sorvolando sul tema della fedeltà all’originale, che non costituisce in questo caso come in nessun altro un valido metro di giudizio per la qualità di un film, va considerato quello che è l’effettivo risultato dell’ “esperimento”, se non altro concettuale, di Wong e di Stephen Chow, qui produttore. Approcciarsi a Dragon Ball volendo rielaborarlo con l’ottica, il gusto, il senso dello spettacolo e, perché no, la filosofia e la cultura occidentali, poteva risolversi in qualcosa di (almeno) interessante. La grossolanità con cui Dragonball Evolution è stato realizzato, però, ha distrutto sul nascere qualsiasi possibilità di decenza. Mutuando intere scene da Star Wars e Karate Kid, attraversando la trama (?) con la fretta di chi non ha idea di come finire, ignorando imbarazzanti quanto enormi buchi nella sceneggiatura, tralasciando bloopers più che vistosi (osservate attentamente l’uniforme di Goku nel combattimento finale) ed evitando accuratamente qualsiasi possibile risoluzione e chiarimento optando per un finale “aperto” che è in realtà un non-finale, Wong si prende gioco senza pietà dell’intelligenza dello spettatore, arrivando perfino a demolire quella che è a tutti gli effetti una mitologia ed una sotto-cultura fra le più prolifiche degli ultimi vent’anni. Il casting è fra i peggio amalgamati degli ultimi tempi, ed alcuni degli attori danno performance a dir poco imbarazzanti, a partire dal protagonista Justin Chatwin. Se almeno la parte più “ludica” del film valesse qualcosa, si potrebbe perdonare un minimo le sviste di cui sopra, ma perfino le coreografie risultano noiose e ritrite, gli effetti speciali non stupiscono, le creature digitali, dall’Oozaru a Shenron, sono mal realizzate ed appaiono oltretutto per pochi secondi. Si auspica per il futuro che si affidino idee del genere ad autori e non a giostrai.

TITOLO ORIGINALE: Dragonball Evolution

Annunci

2 Comments

  1. Hai impiegato la metà dei caratteri e hai descritto meglio di me (e in maniera più efficace e acuta) quello che io ho cercato di rigurgitare con la mia spropositata recensione (diciamo sfilza di parole vagamente correlate tra loro). L’importante è che il giudizio sia unanime: DRAGONBALL EVOLUTION è puro pattume!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...