G. I. JOE – La nascita dei Cobra

G. I. JOE – LA NASCITA DEI COBRA di Stephen Sommers. Con Channing Tatum, Sienna Miller, Marlon Wayans, Christopher Eccleston. USA, 2009. Fantastico.

Tratto dalle numerose serie di giocattoli della Hasbro e di fumetti della Marvel Comics e della Image, G. I. JOE – La nascita dei Cobra è il quarto lungometraggio dedicato al franchise. Durante una missione di scorta ad alcune testate di nanomites, armi altamente distruttive basate sulla nanotecnologia, i soldati americani Duke e Ripcord cadono in un’imboscata, ad opera di una misteriosa organizzazione terroristica che sfrutta armi iper-tecnologiche. I due vengono salvati da una squadra d’elite internazionale, i G. I. JOE (Global Integrated Joint Operating Entity), in cui chiedono di entrare. Agli ordini del generale Hawk, i G. I. JOE dovranno affrontare un’enorme minaccia: l’organizzazione terroristica Cobra.

Dopo Transformers, un altro mostro sacro della Hasbro arriva sul grande schermo. Come i colleghi robotici, anche i G. I. JOE erano già stati sfruttati precedentemente per più serie a fumetti, una a cartoni animati e tre lungometraggi d’animazione, ma Sommers riesce a portarli per la prima volta in live action. Il risultato, tutto sommato, è soddisfacente: non deviando mai dal puro intrattenimento modello luna park, cui comunque Sommers ci ha abbondantemente abituati con la sua precedente filmografia, G. I. JOE – La nascita dei Cobra riesce a divertire per un buon paio d’ore, fra effetti speciali ben realizzati e coreografie adrenaliniche. Il cast è ricco e variegato, dai duri col cuore tragico Channing Tatum (Duke) e Dennis Quaid (Hawk) alle femme fatale Sienna Miller (Baronessa), Rachel Nichols (Scarlett) e Karolína Kurková (Cover Girl), per arrivare agli irresistibili ninja tuttofare Ray Park (Snake Eyes) e Byung-hun Lee (Storm Shadow) ed ai cattivi Christopher Eccleston (Destro) e Joseph Gordon-Levitt (Cobra Commander). Buona parte del cast è “riciclata” da precedenti film di Sommers: fra i protafonisti, il colossale Adewale Akinnuoye-Agbaje (Heavy Duty, da La Mummia – Il ritorno) e il mefistofelico ed ambiduo Arnold Vosloo (Zartan, da i due La Mummia), più un cameo per Brendan Fraser (Sgt. Stone, dalla serie La Mummia) e Kevin J. O’Connor (Dr. Mindbender, da La Mummia e Van Helsing). Una seppur minima infarinatura di satira politica gli autori cercano di darla, pur lasciandolo assolutamente in secondo piano: abbiamo così i cattivissimi Cobra nati per un errore da parte dell’esercito Usa, ed il Presidente degli Stati Uniti che altri non è che un terrorista travestito. Nel complesso, fra (auto)citazioni e pura adrenalina, il film scorre bene, rallentato nei punti giusti grazie ai flashback di alcuni dei protagonisti, arrivando però a subire un drastico arresto nell’ultima parte, dove diventa una sorta di clone di Star Wars. In ogni caso, se non ci si aspetta niente di più di un baraccone luminoso e rumoroso, G. I. JOE – La nascita dei Cobra non rappresenterà certo una delusione.

TITOLO ORIGINALE: G. I. JOE: The Rise of Cobra

Annunci

2 Comments

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...