PREMIUM CINEMA, 21.00: Transporter 3

TRANSPORTER 3 di Oliver Megaton. Con Jason Statham, Natalya Rudakova, Robert Knepper, François Berléand. Francia, 2008. Azione.

Sequel di Transporter: Extreme di Leterrier, Transporter 3 ha ricevuto una nomination agli European Film Awards (Premio del Pubblico). Frank Martin, il trasportatore, viene arruolato a forza da un uomo misterioso, che gli lega al polso un braccialetto esplosivo, programmato per detonarsi nel caso il corriere si allontani più di ventiquattro metri dalla sua auto. Il compito di Martin, stavolta, è quello di recapitare una borsa a destinazione da definirsi lungo il tragitto, sempre sotto l’occhio vigile del misterioso committente, accompagnato da Valentina, una ragazza che sembra, come lui, prigioniera. Man mano che traffici illeciti e ricatti alle alte sfere vengono fuori, il criminale avrà modo di pentirsi di aver rapito proprio Frank Martin…

Terza avventura per Frank Martin, lo statuario ed inossidabile autista creato da Luc Besson per The transporter. A dargli volto e fisico sempre Jason Statham, uno dei più popolari “duri” della nuova generazione, assolutamente inespressivo e funzionale al proprio personaggio. Gli ingredienti di base sono sempre gli stessi: inseguimenti mozzafiato con improbabili acrobazie automobilistiche, combattimenti scanditi da coreografie divertenti e ben studiate, personaggi mai troppo approfonditi ma abbastanza da risultare credibili. Quello che salva Transporter 3, come con il precedente Transporter: Extreme, è una buona dose di ironia, che lo spinge a non prendersi mai sul serio ed a giocare con i canoni dell’action. Dove, invece, il film è assolutamente deludente è nella protagonista femminile, interpretata dall’esordiente Natalia Rudakova: sembra che Besson abbia incontrato la ragazza per strada a New York e che, colpito dal suo aspetto e dal suo atteggiamento, le abbia pagato venticinque lezioni di recitazione per poi assumerla per il film. Il risultato è dei più sconcertanti: sorvolando sul fatto che una buona percentuale dei dialoghi della sua Valentina sono assolutamente inascoltabili, colpa questa imputabile allo stesso Besson, qui sceneggiatore, la recitazione della Rudakova è assolutamente puerile e dilettantesca, rende il personaggio più odioso del sostenibile e finisce col rovinare buona parte delle scene del film. Nel complesso, Transporter 3 rimane un buon film d’azione, con testosterone e tamarrate quanto bastano a renderlo divertente, ma decisamente non aggiunge niente ai precedenti film della serie.

TITOLO ORIGINALE: Transporter 3

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...