AXN, 22.35: Street Fighter – Sfida finale

STREET FIGHTER -SFIDA FINALE di Steven E. de Souza. Con Jean-Cluade Van Damme, Raul Julia, Ming-Na Wen, Byron Mann. USA, Giappone, 1994. Azione.

Tratto dalla serie di videogame Street Fighter della Capcom, Street Fighter – Sfida finale ha ricevuto due nominations ai Saturn Awards. Il generale M. Bison, con la sua associazione terroristica Shadaloo, terrorizza il mondo, ed è pronto a creare una nuova razza di supersoldati per assoggettare l’intero pianeta. A contrastarlo, vari combattenti da ogni nazione: il colonnello William F. Guile delle Nazioni Unite con la sua squadra, l’intrepida giornalista Chun-Li con i suoi assistenti Balrog e Honda, i due ladruncoli Ryu e Ken e lo scienziato rapito Dhalsim. Bison è convinto di avere la vittoria in pugno, ma le forze congiunte dei vari combattenti avranno modo di sconfiggerlo.

La saga di Street Fighter ha segnato la storia dei picchiaduro, con milioni di fan in tutto il mondo, riduzioni fumettistiche ed a cartoni animati ed innumerevoli emuli. Inevitabile, quindi, che Hollywood prima o poi mettesse gli occhi sul prodotto. Lo fa attraverso il regista televisivo Steven de Souza, statunitense, che rivede alla luce dell’americacentrismo della produzione tutta la mitologia della serie videoludica. Street Fighter – Sfida finale sostituisce in importanza al giapponese Ryu Hoshi, protagonista del videogame, l’americanissimo William F. Guile, ironicamente interpretato dal belga Van Damme. Pur stroncato da ogni critica e odiato dai fan del videogame, Street Fighter – Sfida finale è riuscito comunque a sbancare i botteghini di tutto il mondo, confermando un successo del prodotto non indifferente. Un piccolo cult, il film è famoso anche per essere l’ultima pellicola con Raul Julia, stroncato alla fine delle riprese da un tumore allo stomaco. Decisamente, l’attore meritava di meglio per concludere la propria carriera: pur mantenendo alto il divertimento e non deludendo dal punto di vista del puro spettacolo, de Souza mette in scena una trama decisamente banale, con intrecci improbabili e personaggi stereotipati, appiattendo tutti i risvolti dei retroscena del videogame, eliminando qualsiasi cosa potesse superare la bidimensionalità dell’assunto. Alcune battute fulminanti (una per tutte, di Julia: “Il giorno in cui Bison ha distrutto il tuo villaggio è stato il più importante della tua vita, ma per me, era solo giovedì”), coreografie ben studiate, un umorismo semplice ma efficace, è quanto di meglio il film ha da offrire. Meglio sorvolare su tutto il resto.

TITOLO ORIGINALE: Street Fighter

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...