RAI4, 21.10: Æon Flux – Il futuro ha inizio

ÆON FLUX – IL FUTURO HA INIZIO di Karyn Kusama. Con Charlize Theron, Marton Csockas, Sophie Okonedo, Jonny Lee Miller. USA, 2005. Fantascienza.

Tratto dalla serie animata Æon Flux di Peter Chung, Æon Flux – Il futuro ha inizio ha ricevuto due nominations ai Golden Trailer Awards. 2415: la quasi totalità della popolazione terrestre è rimasta vittima, nel 2011, di un virus mortale. I sopravvissuti, cinque milioni appena, vivono a Bregna, ultima città degli umani, sotto l’egida del regime della famiglia Goodchild, discendente dello scienziato che ha trovato una cura al virus. A Bregna una piccola comunità, i Monican, hanno formato una resistena contro il regime e tentano di rovesciarlo. Æon Flux è la migliore fra i Monican, un’efficientissima agente che cerca giustizia per il proprio popolo, e vendetta per l’amata sorella Una, uccisa immotivatamente dalla polizia di regime…

Incredibilmente popolare, la serie d’animazione di Chung è stata uno dei programmi più seguiti e amati di Mtv, tanto da convincere la celebre emittente a venderne i diritti per un film. La regista è la Karyn Kusama di Girlfight, giapponese naturalizzata statunitense, la cui personalità ben si adatta a trasporre sul grande schermo un cartone di sensibilità principalmente occidentale ma con pesanti influenze dalla cultura nipponica. Æon Flux – Il futuro ha inizio ha l’indubbio pregio di non ricercare l’assoluta fedeltà all’originale e di limitarsi a riprenderne i personaggi principali per poi svilupparli in un contesto ambientale e narrativo decisamente diverso (scelta che per altro ha causato non poche reazioni negative fra i fan della serie). Il nuovo intreccio narrativo, sviluppato dallo stesso Peter Chung e dagli sceneggiatori Phil Hay e Matt Manfredi, è divertente ed intrigante, avvince chiunque non conosca già il mondo di Chung e convince anche chi invece vi è più avvezzo.Gli interpreti non brillano certo, ma sono comunque abbastanza capaci da non fari rimpiangere il casting; le coreografie sono altamente spettacolari, gli effetti speciali all’altezza del tipo di film ed il ritmo serrato. Dove Æon Flux fa difetto è nella regia della Kusama, fin troppo tradizionalista e monotona, non sa adattarsi al suo stesso film e risulta ripetitiva e noiosa. Preso di per sé, Æon Flux – Il futuro ha inizio non è certo un ottimo film e si solleva di un solo gradino rispetto alla mediocrità più assoluta, ma confrontato ad altre pellicole del genere come UltraViolet di Wimmer, è un capolavoro.

TITOLO ORIGINALE: Æon Flux

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...