SKY MANIA, 21.00: Arizona Junior

ARIZONA JUNIOR di Joel Coen. Con Nicolas Cage, Holly Hunter, John Goodman, William Forsythe. USA, 1987. Commedia.

Secondo film dei fratelli Coen, Arizona Junior ha ricevuto una nomination agli Young Artist Awards. Il criminale Herbert McDunnough ha sposato la poliziotta Edwina, che lo convince a trovarsi un lavoro onesto presso un’officina. Quando Ed scopre di essere sterile, la notizia sconvolge la coppia, che desiderava un figlio: l’adozione non è possibile a causa dei precedenti di Hi, e sembra non esserci soluzione. Almeno finché ai due non giunge la notizia della nascita di cinque gemelli alla coppia Arizona, proprietari di una catena di negozi di mobili: un figlio in meno a chi ne a cinque non importa un granché, quindi Hi e Ed decidono di rapire uno dei neonati e crescerlo come figlio loro…

Un esordio col botto dei fratelli Coen nel mondo della commedia, riconosciuto dall’AFI fra le più divertenti commedie  americane di tutti i tempi. Discostandosi di parecchio dal precedente Blood Simples – Sangue facile, i due autori e registi di Minneapolis girano una pellicola brillante, ottimista, solare, piena di buoni sentimenti ma anche di tanta cattiveria e scorrettezza, a partire da un assunto che più  folle non si può. Caratterizzato da una scioltezza invidiabile alla seconda volta dietro la cinepresa, Arizona Junior è una commedia esagerata, più simile ad un cartoon modello Tex Avery che ad una commedia tradizionali, pieno zeppo di elementi narrativi che sbriciolano il canone usuale e di personaggi incredibili ed indimenticabili (esilarante e perfetto il Motociclista Solitario dell’Apocalisse). La particolare tecnica di ripresa usata dai Coen, con inquadrature ad ampio raggio e movimenti di macchina inusuali, deforma lo spazio accentuando la sensazione generale di un cartone animato, in un susseguirsi di gag azzeccatissime in una trama originale e frizzante. Il cast è quanto di meglio si potesse trovare, con un Nicolas Cage perfettamente a proprio agio nel ruolo del protagonista ed una Holly Hunter grintosa e indimenticabile; i comprimari reggono perfettamente il confronto, fra la fisicità prorompente di John Goodman e l’odiosa impotenza ispirata da Sam McMurray. Già agli esordi, i Coen promettevano faville.

TITOLO ORIGINALE: Raising Arizona

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...