AL CINEMA: Poliziotti fuori – Due sbirri a piede libero

POLIZIOTTI FUORI – DUE SBIRRI A PIEDE LIBERO di Kevin Smith. Con Bruce Willis, Tracy Morgan, Seann William Scott, Guillermo Diaz. USA, 2010. Commedia.

Primo film di Kevin Smith prodotto da una major, Poliziotti fuori – Due sbirri a piede libero è il nono film del regista del New Jersey. Jim Monroe e Paul Hodges sono due poliziotti eccentrici famosi nel proprio distretto per mandare all’aria qualsiasi indagine seguano. I due finiscono nei guai quando, durante un’operazione, un informatore rimane ucciso ed il braccio destro di un potente boss della droga riesce a fuggire. Lo stesso boss, però, ruba poco tempo dopo una storica figurina di baseball che Jimmy voleva vendere per pagare il matrimonio della figlia: manco a dirlo, anche se sospesi dal servizio, i due sbirri si metteranno sulle tracce della gang, aiutati da un insopportabile rapinatore esperto di parkour.

Kevin Smith, ovvero l’ultimo degli indipendenti. Lo scrittore, regista, autore, fumettista e attore si è sempre segnalato come scorrettissimo, volgare, a suo modo brillante e sagace, capace di smontare col proprio sarcasmo ed un umorismo godereccio non sempre efficace qualsiasi autorità e potere costituito, anche e soprattutto in ambiente cinematografico. Strano, dunque, trovare Smith alle dipendenze della Warner, una delle major più potenti e famose di Hollywood. Poliziotti fuori – Due sbirri a piede libero si è subito scontrato con le ristrettezze che una grande casa produttrice impone ai propri registi, a partire dal titolo, cambiato dall’originale (ed eccessivamente ambiguo) A couple of dicks nel più innocente Cop out. Ad ogni modo, Smith riesce a ritagliarsi il proprio spazio, e trasforma il solito film buddy cops in un campionario di situazioni assurde e personaggi eccentrici: il gelosissimo (ed, ahimé, stereotipatissimo) poliziotto dai complessi di inferiorità di Morgan, il logorroico ma simpatico rapinatore acrobata dall’intestino iperattivo di Seann William Scott, il gangster bigotto maniaco di baseball che rifà De Niro ne Gli intoccabili e via discorrendo. Poliziotti fuori ha il limite di una durata decisamente eccessiva, un umorismo insopportabilmente scatologico e non sempre efficace, una storia fin troppo prevedibile e legata ai canoni (abusati) del genere; ciò che invece lo salva dalla mediocrità totale è una vena di follia ed una scorrettezza di fondo che mantiene viva un’anima indipendente in ogni senso della parola, un autore che, può piacere o meno il suo stile, autore rimane, anche sotto il “giogo” di casa Warner. Non meglio di Dogma, Jay & Silent Bob o Clerks, ma pur sempre Kevin Smith.

TITOLO ORIGINALE: Cop Out

Annunci

1 Comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...