AL CINEMA: Incontrerai l’uomo dei tuoi sogni

INCONTRERAI L’UOMO DEI TUOI SOGNI di Woody Allen. Con Gemma Jones, Anthony Hopkins, Naomi Watts, Josh Brolin. USA, Spagna, 2010. Commedia.

Presentato al 63° Festival di Cannes, Incontrerai l’uomo dei tuoi sogni è il quarto film di Allen girato a Londra. Helena è stata abbandonata dopo quarant’anni di matrimonio dal marito Alfie, che, in preda ad una vera e propria crisi di panico per via della vecchiaia, ha deciso di tornare a vivere come un trentenne. Per ritrovare un po’ di equilibrio, Helena si affida alle “cure” della cartomante Cristal, che le darà preziosi quanto vari consigli di vita. Nel frattempo, Alfie sta per sposarsi con una prostituta, Charmaine, sconvolgendo così la figlia di lui ed Helena, Sally, che ha appena trovato un ottimo lavoro come segretaria personale del direttore di una prestigiosa galleria d’arte. Il marito di Sally, Roy, è uno scrittore che, dopo un esordio brillante, ha perso il tocco e cerca disperatamente un’idea, ma troverà una musa nella bella vicina Dia…

Raccontato, Incontrerai l’uomo dei tuoi sogni somiglia molto alla trama di una soap opera, con una serie di personaggi legati fra sé da legami più o meno familiari ed impegnati, singolarmente o in coppia, in disavventure incredibili quanto, purtroppo, spesso realistiche. L’intento di Allen, però, è proprio quello di “fare confusione”, di mettere carne al fuoco, di sovrapporre una storia all’altra fino a passare da una sorta di armonia iniziale ad una cacofonia di voci diverse ed urlanti. L’aforisma shakesperiano d’apertura è la chiave di lettura del film: si rappresenta una vita “piena di rumore e furore”, che finisce improvvisamente e senza senso. Ecco allora che Allen ribadisce un concetto già precedentemente espresso con Manhattan (“Il mio punto di vista è che bisogna mentire a se stessi e vivere l’illusione perché la realtà è insopportabile”) o col più recente Basta che funzioni: nel mondo “reale” è impossibile essere felici, tutti i progetti, più o meno onesti che siano, finiscono male, o comunque finiscono e basta; quindi tanto vale rifugiarsi in un’illusione e vivere beatamente in essa. I personaggi sono gli stessi già visti in altri film del regista newyorkese (in particolare, Anthony Hopkins e Lucy Punch rimandano molto alla coppia Sydney Pollack/Lysette Anthony di Mariti e mogli), e il motivo è sempre lo stesso: Allen racconta sempre e comunque se stesso, spesso solo per narcisismo, ed ogni suo personaggio è una parte di sé, dall’autore che non trova più idee all’anziano terrorizzato dalla morte che cerca donne giovani ed intellettualmente inappaganti per sentirsi meno vecchio, dall’abbandonato depresso all’abbandonante nostalgico, dal sognatore che tenta il rischio al pavido che non azzarda mai. Ogni attore del cast si presta volentieri ad incarnare la psiche corale alleniana, con ottimi risultati, specie per quanto riguarda la grandissima Gemma Jones, memorabile. Il titolo italiano non coglie l’ambiguità dell’originale, che si riferisce, sì, alla “profezia” della cartomante, ma anche alla morte, come puntualizza Josh Brolin in una delle scene: “Penso che l’unico sconosciuto alto e bruno nel tuo futuro sia lo stesso che prima o poi incontreremo tutti”; una Morte in stile bergmaniano, nemico e musa, odiata non in nome dell’amore per la vita, vista comunque come un tormento, ma dell’amore di sé. Incontrerai l’uomo dei tuoi sogni pecca di eccessivo narcisismo, ed Allen che rifà continuamente se stesso può a volte far storcere la bocca; ma la cattiveria e l’intelligenza sono sempre le stesse, lo stile è inconfondibile, e, per quanto autocommiserante e narcisista, Allen riesce comunque a farsi amare.

TITOLO ORIGINALE: You Will Meet a Tall Dark Stranger

Annunci

1 Comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...