STUDIO UNIVERSAL, 21.00: Il laureato

IL LAUREATO di Mike Nichols. Con Dustin Hoffman, Anne Bancroft, Katharine Ross, William Daniels. USA, 1967. Drammatico.

Tratto dall’omonimo romanzo di Charles Webb, Il laureato ha vinto venti premi internazionali, fra cui un Oscar (Miglior Regista), ed ha ricevuto altre tredici nominations, sei delle quali sempre agli Oscar. Dopo il conseguimento della laurea, Benjamin Braddock torna nella casa di famiglia a Pasadena. Qui, colto dalla noia, decide di diventare l’amante della signora Robinson, moglie del socio del padre. La relazione fra i due si complica quando il marito di lei organizza, di comune accordo con i genitori di Ben, un appuntamento fra il giovane ed Elaine Robinson. Dopo velate minacce dall’amante, Benjamin tenta di scaricare subito la ragazza, ma fra i due comincia a nascere una certa intesa…

Visto a posteriori, il secondo film di Mike Nichols si è rivelato assolutamente profetico ed epocale, rappresentando l’incomunicabilità ed il conflitto generazionali che sarebbero esplosi anche a livello sociale, di lì a pochi mesi, con i cosiddetti “disordini” del ’68. Il laureato, già all’epoca, si impose come un cult assoluto, ma, al contrario di molti che ne condividono lo status, fu incredibilmente ben accolto anche dalla critica, che lo premiò con ben sette nominations agli Oscar: Miglior Regista per Nichols (vinto), Miglior Film, Miglior Attore Protagonista per Hoffman, Miglior Attrice Protagonista per la Bancroft, Miglior Attrice Non Protagonista per la Ross, Miglior Sceneggiatura Non Originale, Miglior Fotografia. L’impressionante numero di riconoscimenti è più che giustificato, per un film che, oltre ad essere tecnicamente ineccepibile, rappresenta con fedeltà e semplicità lo spirito di una generazione. Ben Braddock, uno splendido Dustin Hoffman, è l’incarnazione di quello che sarebbe stato lo spirito del ’68: non è un rivoluzionario armato di idealismi per cambiare il mondo, ma solo della pura e semplice disobbedienza, civile e sociale, una disobbedienza che è un rifuggire dagli schemi pre-imposti dalla generazione dei genitori, un ribellarsi ad un futuro già scritto secondo regole di altri, un “prendere un autobus a caso” pur di mettersi su una strada diversa da quella già tracciata. La vita “da adulto” è noia, è una vera e propria pre-morte, e la generazione genitoriale assume un’aria distorta ed inquietante (splendida la scena in piscina con lo scafandro) specie se considerata nella sua minaccia di profeticità, di destino ineluttabile. L’incomunicabilità generazionale è resa da Nichols con situazioni ansiogene e claustrofobiche, dialoghi affettati, una regia che segue in intimità forzata i personaggi, in una splendida manifestazione di bravura. La coprotagonista/antagonista, la signora Robinson di Anne Bancroft (che in realtà è di poco più vecchia di Hoffman, ma trucco e fotografia riuscirono ad invecchiare l’una e ringiovanire l’altro), appare quindi come una vittima della stessa società parentale di cui poi è diventata carnefice ed esecutrice, la vera figura di svolta nella vita di Ben. La conclusione del film è un non-finale, un momento aperto in cui i protagonisti, inebriati dalle loro azioni così fuori dagli schemi e rivoluzionarie nel vero senso della parola, rimangono comunque davanti ad un futuro aperto, a delle scelte ancora da compiere, insomma, alla vita, che però, uscita dagli schemi precedenti, rimane una terra di nessuno tutta da definire e scoprire. Leggendaria la colonna sonora di Simon and Gurfunkel, vera anima del film, che ha contribuito notevolmente all’imposizione della cultura pop nel mondo contemporaneo. Un capolavoro generazione, Il laureato è un film imprescindibile della storia del cinema più recente, vero e proprio specchio di un epoca.

TITOLO ORIGINALE: The Graduate

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...