AL CINEMA: Femmine contro maschi

FEMMINE CONTRO MASCHI di Fausto Brizzi. Con Claudio Bisio, Nancy Brilli, Ficarra & Picone, Luciana Littizzetto. Italia, 2011. Commedia.

Quinto film di Fausto Brizzi, Femmine contor maschi è la seconda parte del dittico sulla guerra dei sessi iniziato con Maschi contro femmine. Quattro spaccati di vita sentimentale torinese: Marcello ha tenuto nascosto alla madre Clara, cardiopatica, il suo divorzio con la moglie Paola, ma quando la donna ha un malore e finisce in fin di vita, esprime il desiderio di passare i suoi ultimi giorni in compagnia della famiglia, costringendo il figlio e la nuora a fingere di essere ancora sposati per non addolorarla; Piero, rude e calciomane benzinaio, viene colpito da amnesia in seguito ad un trauma cranico, e la moglie Anna coglie l’occasione per trasformarlo nel marito ideale; Rocco, bidello, viene cacciato dalla compagna Valeria a causa della sua immaturità, e va a vivere dall’amico Michele, mettendo a repentaglio il suo rapporto con la moglie Diana, convinta che il marito abbia chiuso con Rocco da anni…

Girato in contemporanea a Maschi contro femmine, uscito ad ottobre 2010, Femmine contro maschi dovrebbe esserne la parte complementare, per chiudere l’ “analisi” della vita di coppia, fra gioie e dolori, con una visuale il più ampio possibile sui differenti punti di vista, maschile e femminile, sulla vita quotidiana. L’idea è riuscita a metà, nel senso che l’ottica rimane a senso unico, prigioniera di stereotipi da commedia in un certo senso inevitabili in un’operazione così commerciale. Come nel primo film, quindi, anche nel secondo tutti i “maschi” sono degli immaturi cronici e degli irresponsabili di un infantilismo patologico, e le “femmine” si risolvono il più delle volte ad essere irritanti quanto dispotiche dittatrici interessate principalmente a modellare il compagno sui propri desideri; la formula, per quanto scontata, continua a funzionare, specie merito di un cast capace e ben calato nei rispettivi ruoli. Rispetto al primo film, in Femmine contro maschi c’è meno volgarità, ma tutto sommato anche meno vis comica, e le gag sono meno mordaci e decisamente più prevedibili. La bravura degli attori coinvolti, comunque, evita lo squallore, ed il divertimento rimane a livelli inaspettatamente alti nonostante tutto. Il peso del cast si fa sentire anche enlle manovre più direttamente autoreferenziali del film: se Brizzi non rinuncia a citare il suo Notte prima degli esami rievocando il professor Martinelli di Giorgio Faletti, Claudio Bisio si richiama al paese di Castellabate di Benvenuti al Sud e Picone può sfoggiare lo stesso, invidiabile abbigliamento di Il 7 e l’8, Paola Cortellesi mette in scena con Bisio un duetto stile Zelig e la Littizzetto non esita a sfoggiare alcune delle sue catch phrases che ne hanno segnato la popolarità a Che tempo che fa. Nel complesso, si ride di gusto, senza impegno e con la consapevolezza che, che sia Maschi contro femmine o Femmine contro maschi, lo scontro rimane sempre aperto.

TITOLO ORIGINALE: Femmine contro maschi

Annunci

2 Comments

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...