CANALE 5, 10.15: Vita da strega

VITA DA STREGA di Nora Ephron. Con Nicole Kidman, Will Ferrell, Michael Caine, Shirley MacLaine. USA, 2005. Fantastico.

Ispirato all’omonima sit-com di Sol Saks, Vita da strega ha vinto un Razzie Award (Peggior Coppia sullo Schermo) ed ha ricevuto altre sei nominations, quattro delle quali sempre ai Razzie. Jack Wyatt è un pessimo attore, stroncato dalla critica e snobbato dal pubblico, che cerca un’ancora di salvezza nel remake della sit-com Vita da strega. Spinto dal proprio narcisismo, Jack cerca per la parte della protagonista Samantha una perfetta sconosciuta, così da monopolizzare l’attenzione del pubblico: la scelta ricade su Isabel Bigelow, una ragazza un po’ svampita che sa rifare alla perfezione la smorfietta col naso di Elizabeth Montgomery. Isabel, però, è davvero una strega, che sta cercando di  “distintossicarsi” dalla magia e vivere una vita normale. Quando l’egocentrismo di Jack passerà il segno, però, la furia di Isabel sarà terribile…

Nora Ephron, regista di Insonnia d’amore e C’è posta per te (e moglie del giornalista dello scandalo Watergate Carl Bernstein), si è dichiarata fan di vecchia data della sit-com degli anni Settanta Vita da strega, cogliendo quindi al volo l’occasione di dirigerne il remake (sui generis) per la Columbia. Lo spirito da fan è palese, fra un gioco metacinematografico (che per altro funziona poco) che si diletta nel mostrare i “dietro le quinte” degli episodi più famosi ed una reinvenzione e riproposizione dei tormentoni della serie. Quello che manca è lo spirito da regista. Clamoroso insuccesso di critica e pubblico, Vita da strega è riuscito a guadagnarsi ben cinque nominations ai Razzie Awards, gli anti-Oscar: Peggior Coppia sullo Schermo (poi vinto) a Will Ferrell e Nicole Kidman, Peggior Attore a Will Ferrell, Peggior Remake o Sequel, Peggior Regista a Nora Ephron, Peggior Sceneggiatura, sempre alla Ephron. Effettivamente, le uniche cose che funzionano sullo schermo sono Nicole Kidman, che si diverte a rifare Elizabeth Montgomery, e Michael Caine, che vive tutto il film come se si prendesse una vacanza da se stesso. Will Ferrell, che di per sé non è proprio un grande attore, lavora ai minimi storici, e perfino Shirley MacLaine è troppo sopra le righe per tutta la pellicola. La regia è banale ed inesistente, la sceneggiatura gratta talmente il fondo da arrivare a plagiare Una settimana da Dio di Tom Shadyac. Dopo un inizio brillante e brioso, con una deliziosa presentazione del personaggio della Kidman, il film comincia subito a naufragare, immerso in una sceneggiatura piuttosto banale, che per altro allunga il film ben oltre il limite consigliato (i cento minuti del film sembrano almeno il doppio). Decisamente simpatici e divertenti i primi dieci minuti, meglio sorvolare sul resto.

TITOLO ORIGINALE: Bewitched

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...