ITALIA 1, 21.30: Scontro tra titani

SCONTRO TRA TITANI di Louis Leterrier. Con Sam Worthington, Liam Neeson, Ralph Fiennes, Gemma Arterton. USA, 2010. Fantasy.

Remake di Scontro di titani di Desmond Davis, Scontro tra titani ha ricevuto quattro nominations ai Teen Choice Awards, due ai Razzie, uno agli Annie ed uno ai Saturn Awards. All’inizio dei tempi, i Titani sfidarono per il dominio dell’universo i loro stessi figli, gli dei dell’Olimpo; questi ultimi ebbero la meglio grazie al Kraken, un gigantesco mostro creato da Ade, uno dei tre Olimpi più potenti. Ade, però, fu ingannato dai fratelli Zeus e Poseidone e finì col dominare agli Inferi. La vendetta di Ade si scatenerà sui mortali, eoni dopo, sfruttando la ribellione degli uomini contro gli dei fomentata da re Cefeo: i piani del dio infernale vanno molto più in profondità di quanto perfino Zeus riesca a vedere, e solo un uomo sembra in grado di fermarlo: Perseo, uno dei molti figli naturali di Zeus, cresciuto nell’odio delle divinità…

Louis Leterrier, francese di adozione (almeno professionale) statunitense, è uno che l’azione ce l’ha nel sangue: l’ha dimostrato con i primi due Transporter, con Danny the Dog, con L’incredibile Hulk. Alle prese con un classico del fantasy come Scontro di titani di Davis, quindi, possono sorgere dubbi sul possibile approccio, sulla reinvenzione del linguaggio mitico e mitologico, sull’innovazione del soggetto originale o, in caso contrario, sulla fedeltà alla fonte. Già dalle prime interviste, però, risultò chiaro che i modelli cui Leterrier ha guardato per quanto riguarda il bagaglio culturale del mito greco (ampiamente rivisitato, ma rispettato nella sua essenza da Davis nell’81) sono il manga Saint Seiya di Masami Kurumada (che, onorato, ha accettato di disegnare le locandine del film per l’uscita giapponese) e la serie videoludica God of War della Sony (l’aspetto del Kraken, nella versione di Leterrier, ricalca quasi perfettamente quella del mostro in God of War II). Niente da ridire sulla qualità delle fonti, nel loro specifico più che valide; il risultato finale, però, lascia non poco a desiderare. Come già Troy di Petersen, Scontro tra titani non si limita a “cambiare” il mito, cosa fatta egregiamente da, per esempio, Tarsem Singh nel quasi contemporaneo Immortals, ma ne snatura il linguaggio e la struttura narrativa, lo corrompe con immaginari fuori luogo, con ideologie contemporanee che, non trovando adattato il mezzo espressivo, risultano posticce ed ingombranti. Lo Zeus pseudo-cristianeggiante di Liam Neeson non solo non regge il confronto con lo splendido Laurence Olivier dell’originale, ma risulta proprio una figura incompleta, decontestualizzata, insensata, così come l’Ade di Ralph Fiennes, reinventato a simil-Mangiamorte vendicativo e malvagio, od anche il Perseo dell’inespressivo ed antipatico Sam Worthington, che porta con sé un’ideologia nietzschana da fast food intellettuale ed un malinteso antropocentrismo che non trova luogo in un trionfo di estetica fine a se stessa, che privilegia muscoli e zanne su qualsiasi barlume di trama pensata. Nessuna coerenza narrativa né tantomeno tematica, nessun brivido di novità in un’azione che diventa noiosa e ripetitiva, nessun momento degno di nota o di ricordo, salvo forse il divertente cameo di Bubo, la civetta meccanica del film originale, del quale peraltro si rimpiange perfino l’immaginario camp ma a suo modo innovativo; Scontro tra titani è un prodotto di massa costruito con materiale che sarebbe invece pensato per altri (e alti) livelli, una macchina per soldi che funziona egregiamente ma che tritura di tutto in un sincretismo culturale e narrativo fine a se stesso, che si bea della propria ignoranza e vede prepotentemente se stesso come blockbuster pensante. Una delusione.

TITOLO ORIGINALE: Clash of the Titans

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...