AL CINEMA: The Avengers

THE AVENGERS di Joss Whedon. Con Robert Downey Jr., Chris Evans, Chris Hemsworth, Mark Ruffalo. USA, 2012. Fantastico.

Tratto dall’omonima serie a fumetti della Marvel Comics, The Avengers è il sequel de L’incredibile Hulk di Leterrier, di Iron Man 2 di Favreau, di Thor di Branagh e di Captain America – Il primo Vendicatore di Johnston. Lo S.H.I.E.L.D., la più grande agenzia di controspionaggio del mondo, è messa in crisi quando Loki, il dio nordico della menzogna, attacca a sorpresa una delle loro basi e, aiutato da un misterioso alleato, ruba il Tesseract, una potentissima fonte di energia. Consapevole dell’enormità della minaccia, Nick Fury, direttore dello S.H.I.E.L.D., convoca un gruppo di persone eccezionali per contrastare Loki: il miliardario Tony Stark, anche giustiziere in armatura come Iron Man, Steve Rogers, il Capitan America della Seconda Guerra Mondiale, e Bruce Banner, genio scientifico che si trasforma nel potentissimo Hulk se arrabbiato. A loro, si uniscono il dio del tuono Thor e le due superspie Natasha “Vedova Nera” Romanoff e Clint “Occhio di Falco” Barton. La guerra è dichiarata.

E’ dal 2008, dall’uscita di Iron Man, che la Marvel programma quello che a conti fatti è il più grande crossover cinematografico dai tempi in cui la Universal faceva scontrare i vari Dracula, Frankenstein e Uomini Lupo. Le occasioni di realizzare un fiasco clamoroso erano tante, tantissime, ma la capacità di coordinamento di Kevin Feige e Avi Arad sono state in grado di sistemare un sentiero che, con ogni film uscito dai Marvel Studios, aveva già cominciato a realizzare The Avengers, con camei, indizi, elementi più o meno secondari, incroci. A Joss Whedon, il creatore di Buffy l’ammazzavampiri, l’onore e l’onere di dirigere quello che fin da prima della sua realizzazione è stato a ragione annunciato come un blockbuster epocale. Il risultato, incredibilmente, come accade raramente, è all’altezza delle aspettative: The Avengers è l’evento cinematografico che ci si aspettava, in tutto e per tutto. Il fatto che la stragrande maggioranza dei personaggi sia già stata protagonista in altri film precedenti dà un notevole vantaggio a Whedon, anche sceneggiatore, che non deve perdere tempo a presentarli al pubblico: già dalla prima, adrenalinica scena dell’arrivo di Loki si capisce che le sequenze d’azione non lasceranno delusi, ma la sapienza di Whedon sta proprio nel saper brillantemente bilanciare i fuochi d’artificio con aspetti più intimisti, non scadendo mai nella superficialità ed accompagnandosi sempre ad un grande rispetto per la mitologia rappresentata. Ad ogni personaggio viene resa giustizia: dall’esasperante, egocentrico e simpaticissimo Tony Stark del gigione Downey Jr. al serio, compassato e nobile Capitan America di Evans, dal potente e solenne Thor di Hemsworth al tormentato e maledetto Bruce Banner di Ruffalo (che sostituisce Edward Norton, al solito in conflitto con le produzioni per le proprie assurde pretese contrattuali), dalla splendida, felina e tostissima Vedova Nera della Johansson al letale e sbruffone Occhio di Falco di Renner, dal poweliano e machiavellico Nick Fury di Jackson al mefistofelico, pazzo e geniale Loki di Hiddleston, probabilmente il miglior attore sulla scena. Tornano anche i comprimari dei film precedenti, come l’agente Coulson di Clark Gregg, l’agente Sitwell di Max Hernandez, il robotico JARVIS di Paul Bettany e l’angelica Pepper Potts della Paltrow, cui si aggiunge la fredda e disciplinata Maria Hill di Cobie Smulders ed il misterioso villain, tenuto a ragione top secret dalla produzione, che delizierà i fan dell’Universo Marvel durante i titoli di coda con una comparsata attesissima. Scene mirabolanti, paure post-11 settembre combattute con l’evocazione di eroi su misura, un’idea di “americanità” che ricerca i propri valori fondatori e si discosta invece dalle decisioni governative  degli ultimi anni, letture antropologiche, filosofiche, politiche, e tanto, tanto, tanto divertimento. Una gioia per gli occhi, un vero e proprio albero di Natale per i fan, un blockbuster di ottima qualità per tutti gli altri, con una colonna sonora strepitosa, un cast fenomenale, una solida sceneggiatura, una straordinaria capacità di recuperare le fila di quanto seminato in cinque anni e cinque film, con un 3D che funziona egregiamente nelle scene di massa (anche se risulta piuttosto inutile in tutte le altre) ed una notevole capacità inventiva, The Avengers è una vera e propria perla del cinema di massa.

TITOLO ORIGINALE: The Avengers

Annunci

4 Comments

  1. Eh si…direi che questo film si può già considerare un vero CULT tra gli appassionati ! Io l’ho visto giusto ieri e mi sono divertito un sacco, soprattutto alla fine !
    Presto cmq scriverò anch’io un giudizio più approfondito al riguardo… ;-p

    1. Il caro vecchio Jasper appare sia in THOR che qui, senza che nessuno lo chiami per nome: ti dicono chi è nel corto IL CONSULENTE (recensito e postato nel blog)…ed è difficile da riconoscere, dato che qui non è proprio il solito stangone biondo!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...