AL CINEMA: The Amazing Spider-Man 2 – Il potere di Electro

The Amazing Spider-Man 2 - Il potere di ElectroTHE AMAZING SPIDER-MAN 2 – IL POTERE DI ELECTRO di Marc Webb. Con Andrew Garfield, Emma Stone, Jamie Foxx, Dane DeHaan. USA, 2014. Fantastico.

Tratto dalla serie a fumetti Marvel, The Amazing Spider-Man 2 – Il potere di Electro è il sequel di The Amazing Spider-Man di Webb. Diventa sempre più difficile per Peter Parker gestire la propria vita privata, fra gli impegni da studente, la storia d’amore con Gwen Stacy e la vita in famiglia con zia May, insieme a quella supereroica nei panni di Spider-Man. Entrambe, però, stanno per diventare incredibilmente più complicate: Gwen si stanca presto delle incertezze continue di Peter, e mette fine alla loro relazione; nel frattempo, il ritorno del vecchio amico Harry Osborn sembra portare più guai che dolci ricordi. Come se non bastasse, il timido impiegato della Oscorp Max Dillon si trasforma in seguito ad un incidente nel potentissimo Electro, un nemico che forse neanche Spidey è in grado di fermare…

Dopo l’ottimo successo del primo capitolo del reboot dell’Uomo Ragno targato Marc Webb, la Sony mise da subito in cantiere un sequel, confermando l’intero cast, regista e sceneggiatori. La lezione del primo film sembra aver dato frutto, e Webb, Alex Kurtzman e Roberto Orci rimediano a quelli che erano i punti più deboli di The Amazing Spider-Man. Al bidimensionale Lizard del primo film si sostituisce il potente Electro di Jamie Foxx, tripudio di effetti speciali che ha il pregio di essere brillantemente costruito più nella sua versione umana che in quella elettrica: Max Dillon, denti storti, occhiali a fondo di bottiglia e riporto unto, è un uomo disperato nella propria solitudine, prodotto della società dell’immagine che istintivamente cerca da riflettori e telecamere l’attenzione che gli manca nei contatti umani. Foxx rende bene un personaggio che brilla nel suo essere un inquietante sociopatico, che si lega morbosamente a chiunque si ricordi il proprio nome da un minuto all’altro. Poco più che abbozzate, invece, le altre new entry: Dane DeHaan è Harry Osborn, probabilmente il personaggio più sacrificato in una sceneggiatura comunque densa, un ragazzo appena all’inizio del proprio conflitto edipico con l’ombra del padre Norman interpretato da Chris Cooper; Paul Giamatti (si) diverte un mondo a portare sopra le righe la propria interpretazione di Aleksei “Rhino” Sytsevich, altro elemento che più che altro vuole fungere da trampolino di lancio ad un universo espanso sul modello del Marvel Cinematic Universe; piuttosto invisibili tutti gli altri, dall’odioso Alistair Smythe di B. J. Novak alla felina Felicia Hardy di Felicity Jones, fino allo stereotipato Dr. Kafka di Marton Csokas, tutti rimandi ed accenni che promettono ulteriori sviluppi. Webb focalizza la vicenda sulla notevole chimica instauratasi tra i protagonisti, Andrew Garfield ed Emma Stone, che nei panni di Peter Parker e Gwen Stacy riservano alcuni momenti sinceramente emozionanti; per quanto il tono si faccia più introspettivo, focalizzato sull’evoluzione interiore del personaggio principale, non mancano le scene di pura adrenalina, e fra l’indiavolato inseguimento iniziale allo spettacolare debutto di Electro a Times Square, anche i fan dell’action avranno di che divertirsi. Webb punta tutto sull’emozione, svicolando agilmente invece le cadute nell’emotivismo, e riesce a commuovere, ad appassionare, a trasmettere gioie e tristezze dei personaggi; visibile il rispetto che Webb ed i suoi nutrono nei confronti del lavoro di Stan Lee e Steve Ditko, e nessuno dei personaggi portati sullo schermo, per quanto secondari, viene lasciato alla pura bidimensionalità di un ruolo precostituito. Certo non ai livelli dello Spider-Man 2 di Sam Raimi, The Amazing Spider-Man 2 – Il potere di Electro rimane comunque uno dei migliori film realizzati al momento sul Tessiragnatele di casa Marvel, decisamente superiore al primo episodio, ed una buona promessa per i futuri sviluppi.

TITOLO ORIGINALE: The Amazing Spider-Man 2

Annunci

2 Comments

    1. Ti dirò, mi sembra che abbiano fatto attenzione ad evitare gli stessi errori…e personalmente credo ci siano riusciti. Aspetto la tua opinione in merito! 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...