RAI CINEMA, 06.30: La ragazza di Boemia

La ragazza di BoemiaLA RAGAZZA DI BOEMIA di James W. Horne, Charley Rogers. Con Stan Laurel, Oliver Hardy, Julie Bishop, Antonio Moreno. USA, 1936. Commedia.

Tratto dall’opera The Bohemian Girl di Michael William Balfe, La ragazza di Boemia è un remake dell’omonimo film di Harley Knoles. Boemia, XVI secolo: le terre del conte Arnheim sono frequentate da un gruppo di zingari, che spesso e volentieri derubano e truffano la popolazione. Quando l’intero popolo viene bandito dalla contea, pena la frusta, il maligno Gorgonzuelo Devilshoof rapisce Arline, la figlioletta del conte; l’amante di Devilshoof riesce a convincere il marito Ollio che la bambina è in realtà una sua figlia segreta, e scappa poi con il rapitore. Ollio, assieme all’amico Stanlio, crescerà Arline convinto che sia sua figlia, fino a quando, venti anni dopo, il trio non tornerà nelle terre di Arnheim…

Al loro ottavo lungometraggio, nel pieno della collaborazione con Hal Roach, l’inossidabile duo comico Oliver “Ollio” Hardy e Stan “Stanlio” Laurel portano sullo schermo per un secondo adattamento l’opera teatrale di Michael William Balfe The Bohemian Girl (a sua volta ispirata al racconto di Miguel Cervantes La Gitanilla). Dell’opera di Balfe si conservano giusto i nomi di alcuni dei personaggi principali: il conte Arnheim (William P. Carleton), la sua angelica figlioletta Arline (Darla Hood nella versione bambina, Julie Bishop in quella adulta), la “malvagia” regina Gypsy (Zeffie Tilbury); nella trama originale, una variante della fiaba della principessa rapita e riconosciuta solo decenni dopo, si inseriscono i soliti Stanlio & Ollio, che stravolgono storia e personaggi con gag surreali ed esilaranti. Alla regia il solito James W. Horne, coadiuvato stavolta da Charles “Charley” Rogers, e seguito dall’onnipresente Roach, intervenuto più volte anche sulla stessa regia. La ragazza di Boemia raccoglie molti degli ingredienti classici della filmografia del duo, dagli immancabili numeri musicali (stavolta perlopiù affidati al fascinoso zingaro Devilshoof, letteralmente “Zoccolo del Diavolo”, di Antonio Moreno) alle gag slapstick, da un surplus di buoni sentimenti agli improbabili numeri di prestidigitazione di Stanlio, in una favola per bambini riadattata a commedia per tutta la famiglia. Diverse le scene rimaste storiche, dai numeri col cameriere strabico di Bobby Dunn (una garanzia di disastri) alle simpatiche truffe messe in atto dalla versione zingara del celebre duo, fino all’indimenticabile finale con gli esilaranti effetti della tortura sui due eroi, conclusione che va a sbeffeggiare quello che per la giovane protagonista Julie Bishop è invece un perfetto happy ending da fiaba. Al momento dell’uscita, gravò sul film la cattiva fama data dall’improvvisa morte di una delle star, l’appena ventinovenne Thelma Todd, ritrovata nel suo garage uccisa dai gas di scarico della macchina: per evitare la fama di “film maledetto” alla sua pellicola, Roach fece rimontare la versione finale, e ingaggiò Zeffie Tillbury per sostituire la Todd nel ruolo della regina Gypsy; nelle scene rimontate, rimangono molte sequenze con Thelma Todd, ma il suo personaggio è stato trasformato nella figlia della regina Gypsy, con una parte decisamente ridotta, e con risultati non sempre fluidi a livello puramente narrativo. La straordinaria verve dei due protagonisti, che come al solito sorreggono l’intero film praticamente da soli, è più che sufficiente a garantire la qualità del risultato, pur con tutti i rimaneggiamenti del caso; il resto lo fanno le musiche del film, la maggior parte delle quali prese di peso dall’opera originale (con l’eccezione della bella canzone Heart of a Gypsy di Robert Shayon e Nathaniel Shilkret), e soprattutto la dolcissima Darla Hood, che ad appena cinque anni è più che in grado di dividere lo schermo con star affermate. Non il miglior film di Laurel & Hardy, ma comunque una piacevolissima fiaba che non deluderà gli appassionati.

TITOLO ORIGINALE: The Bohemian Girl

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...