RICHIESTA: Benvenuti…ma non troppo

BENVENUTI…MA NON TROPPO di Alexandra Leclère. Con Didier Bourdon, Valérie Bonneton, Karin Viard, Michel Vuillermoz. Francia, 2015. Commedia.

Quarto film di Alexandra Leclère, Benvenuti…ma non troppo è il film d’esordio di Yannick Bouanga. La Francia si trova ad affrontare un inverno incredibilmente rigido: per fare fronte all’emergenza, il governo di sinistra decreta che chiunque possieda un’abitazione adatta ospiti i lavoratori poveri e senza casa che affollano le città. In un lussuoso condominio, due famiglie si ingegnano per evitare l’onere di ospitare sconosciuti in casa propria: Pierre e Christine Debreuil, xenofobi di destra, sono chiaramente contrari all’iniziativa, ma anche Grégory e Béatrice Bretzel, socialisti convinti, scoprono quanto dista la teoria dalla prassi quando i loro ideali vengono messi alla prova. Nessuno, però, potrà esimersi dal proprio dovere civico…

Pare che fosse già dal 2008, subito dopo l’uscita del suo Le prix à payer, che la francese Alexandra Leclère tentasse di portare il soggetto di Benvenuti…ma non troppo all’attenzione di varie case produttrici francesi, ottenendo sempre rifiuti più o meno secchi. Finalmente però, dopo sette anni di insistenze, la Pan Européenne Production accettò di produrre il film, permettendo alla Leclère di tornare alla commedia dopo il cupo Maman. Evidentemente, però, la regista è un poco arrugginita con i toni della commedia, e fuori dal proprio ambiente in quanto a produzione: al posto dei soliti interni, stavolta Leclère si muove su mezza Parigi, e al posto di un cast ristretto si trova a dirigere una pletora di attrici e attori che vanno a interpretare una legione di personaggi decisamente poco incisivi. L’idea di base è simpatica e anche piuttosto originale: il Governo francese adotta una misura d’emergenza per il freddo intenso e costringe i cittadini più abbienti ad ospitare nelle case private di dimensioni rilevanti i poveri che sarebbero altrimenti esposti alle intemperie; la misura è vista attraverso gli occhi di due coppie: Didier Bourdon e Karin Viard, benestanti di destra che piano piano scoprono il valore dell’accoglienza, e Michel Vuillermoz e Valérie Bonneton, alternativi di sinistra che si scoprono non così rivoluzionari e socialisti come pensavano (salvo poi ritrovarsi inevitabilmente sul finale). L’idea iniziale, però, rimane l’unico elemento valido del film, appiattito subito da una regia anonima e, soprattutto, da una sceneggiatura priva di inventiva e di umorismo, decisamente grave quando si parla di una commedia. Già nella scrittura dei (troppi?) personaggi Benvenuti…ma non troppo comincia a zoppicare presentando una serie di stereotipi che vorrebbero essere satirici ma che risultano solo piatti e irritanti, in una galleria di antipatia che elimina qualsiasi possibile identificazioni e porta lo spettatore ad alienarsi dalla vicenda, uccidendo di fatto la vis comica dell’assunto. I dialoghi sono inutilmente verbosi, e ammorbano di una prolissa pesantezza ogni singola sequenza; lo humour che ne deriva è giocoforza flaccido e inconsistente, incapace di strappare più di un sorriso a denti stretti, e per quanto la satira sociale sia presentata con una buona dose di cattiveria, questa manca totalmente di ironia, ammorbando la trama di ulteriore pesantezza. Come leit motiv nelle relazioni tra i protagonisti e tra questi e gli ospiti indesiderati, poi, la Leclère imbastisce uno sfiancante girotondo che vede le carogne diventare campioni d’accoglienza e viceversa, in uno scambio di ruoli continuo che stanca già dopo i primi minuti. Benvenuti…ma non troppo vorrebbe giocare con le posizioni politiche e i ruoli sociali, con l’ipocrisia delle classi medie ed i pregiudizi verso gli stranieri, ma al momento di mettere insieme tutti gli ingredienti ci si accorge che, salvo qualche idea buona qua e là (il sito di scambisti), semplicemente non sa giocare: una commedia satirica che non fa ridere si riduce ad essere una stilettata astiosa magari terapeutica per la regista, ma per lei sola.

TITOLO ORIGINALE: Le Grand Partage

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...