SKY CINEMA UNO HD, 21.15: Il drago invisibile

IL DRAGO INVISIBILE di David Lowery. Con Oakes Fegley, Bryce Dallas Howard, Oona Laurence, Wes Bentley. USA, 2016. Fantastico.

Remake di Elliot, il drago invisibile di Don Chaffey, Il drago invisibile ha vinto un Truly Moving Picture Award, ed ha ricevuto una nomination ai Saturn Award ed una ai Blimp Award. 1983: Grace Meacham, guardaparco nazionale, trova nella foresta un bambino di undici anni, Pete, sopravvissuto da solo nei boschi per sei anni. Il bambino, però, afferma di non essere stato affatto solo: con lui c’era Elliot, che si è preso cura di lui dalla morte dei genitori in un incidente stradale. Elliot, però, non è una persona, ma un drago verde capace di rendersi invisibile. Grace è chiaramente scettica, ma presto dovrà ricredersi…

Nella foga dei remake che ha colto la Disney finisce anche Elliot, il drago invisibile, film musicale minore nel curriculum disneyano, famoso più che altro per essere uno dei primi esperimenti di tecnica di animazione mista. Il nuovo film viene affidato a David Lowery, campione del cinema indipendente fino a quel momento lontano dalle logiche dei grandi studi, mentre il film di Don Chaffey (e quindi l’originale racconto di S. S. Field e Seton I. Miller) viene completamente reimmaginato da Toby Hallbrooks. Il nuovo Il drago invisibile si leva subito il pensiero e mostra il grosso drago verde del titolo già dalla primissima sequenza, preferendo ridurre quindi al minimo qualsiasi possibile allegoria sulla crescita (e sui conseguenti “amici immaginari” da abbandonare) preferendo focalizzarsi su un aspetto differente della vicenda, e trasformando l’avventura del piccolo Pete e del camaleontico dragone in una favola ecologica sicuramente diretta, ma anche poetica e delicata, una parabola sul rapporto tra uomo e natura che non cede mai ad un’ingombrante retorica. Dell’originale rimangono giusto i personaggi principali, mentre tutto il resto, trama, ambientazione e stile, viene radicalmente modificato: considerato quanto poco il copione del film di Chaffey fosse appassionante e coinvolgente, la scelta di Lowery e Hallbrooks è tutt’altro che discutibile, e la loro favola per famiglie risulta piacevolissima e scorrevole, priva di tutti i limiti ed i tempi morti del primo film, con personaggi e situazioni “ammodernati” ma resi più vivi e reali. Pete, interpretato da un bravissimo Oakes Fegley, è qui un orfano “inselvatichito” a metà tra il Mowgli de Il libro della giungla e il Victor de Il ragazzo selvaggio, un bambino riavvicinato alla civiltà da un nucleo familiare in espansione, che comprende la materna (per quanto a tratti irritante) Bryce Dallas Howard, la sorellina complice Oona Laurence, il padre buono e pragmatico Wes Bentley, il nonno saggio e un po’ matto Robert Redford e perfino lo zio scemo Karl Urban, capitalista e cacciatore incallito che dovrà imparare a convivere con la natura prima dell’inevitabile happy ending. Ottima anche la caratterizzazione del drago Elliot, stavolta realizzato completamente in CGI, reso più “realistico” e fortunatamente privato del parrucchino rosa originale: meno antropomorfo e più animalesco, l’alato coprotagonista è una sorta di grosso e simpatico cagnolone, incarnazione di un mondo primordiale e naturale minacciato sì dall’industrializzazione e dalla condotta sconsiderata dell’uomo, ma anche pronto a rispondere per assicurarsi una sopravvivenza. Con una durata praticamente dimezzata rispetto alle oltre due ore originali, Il drago invisibile scorre veloce e piacevole, un’avventura a tratti perfino dark che alterna sequenze adrenaliniche (la fuga in stile parkour dall’ospedale, l’inseguimento finale con volo in soggettiva) ad altre più intimiste e delicate, entrambe pensate per venire incontro ad una sensibilità il più possibile familiare. Una favola pura e semplice, che si lascia guardare grazie ad una buona sceneggiatura, a momenti commoventi ma mai eccessivamente sdolcinati, ad una morale solida e ad effetti speciali più che all’altezza.

TITOLO ORIGINALE: Pete’s Dragon

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...