AL CINEMA: La mummia

LA MUMMIA di Alex Kurtzman. Con Tom Cruise, Annabelle Wallis, Sofia Boutella, Russell Crowe. USA, 2017. Horror.

Remake dell’omonimo film di Karl Freund, La mummia è il primo film del Dark Universe della Universal. Nick Morton e Chris Vail, ladri di tesori, combattono in Iraq per rubare quanti più reperti archeologici possono e rivenderli sul mercato nero. I due scoprono quasi per caso una tomba egizia, lontana miglia da dove dovrebbe essere: la tomba è in realtà la prigione di Ahmanet, una principessa che nell’antichità aveva fatto un patto col dio della morte Set per ottenere il trono del faraone. Riportare alla luce il sarcofago di Ahmanet libererà un male che il mondo aveva dimenticato.

Negli anni Trenta e Quaranta, la Universal aveva terrorizzato il mondo con mostri poi divenuti classici, creature letterarie come Dracula, il mostro di Frankenstein, il Fantasma dell’Opera e l’Uomo Invisibile, oltre a creazioni originali come il mostro della Laguna Nera e la Mummia. Nel 2004, forte del successo del reboot de La mummia di Stephen Sommers, la Universal aveva fatto un disastroso tentativo di ricreare lo storico universo condiviso dei propri mostri classici con Van Helsing, ma i risultati erano stati sconfortanti, e il progetto cancellato. Dopo anni di idee e tentativi, gli studios ci riprovano annunciando il “Dark Universe”, un progetto che parte da subito come la costruzione di un universo condiviso sul modello dei Marvel Studios, con la misteriosa organizzazione Prodigium che fa le veci dello S.H.I.E.L.D. nel monitorare l’azione del “male” sulla Terra ed il Dottor Jekyll (e, chiaramente, Mister Hyde) di un bolsissimo Russell Crowe a rimpiazzare il Nick Fury di Samuel L. Jackson. Il primo passo per quello che si annuncia uno dei più grandi investimenti della Universal da decenni a questa parte è nuovamente La mummia, con la regia affidata allo sceneggiatore Alex Kurtzman (accompagnato dall’inseparabile Roberto Orci). Il nuovo film parte bene, offrendo spunti interessanti con un’apertura sull’Iraq, diviso tra bande di fanatici impegnate a distruggere il patrimonio archeologico mondiale e sciacalli che rubano quello che rimane in piedi per il mercato nero; qualsiasi parallelo con l’attualità svanisce presto, però, e a parte l’ennesima rievocazione/esorcismo degli attentati terroristici (qui una tempesta di sabbia che investe Londra, in puro effetto nuvola di polvere stile 11 settembre), Kurtzman si concentra quasi esclusivamente sullo spettacolo, imbastendo un’avventura effettivamente ritmata e godibile, ma che niente offre oltre al puro intrattenimento. Anche il genere di riferimento si avvicina molto di più alla commedia action di Stephen Sommers che non all’horror di Karl Freund, e Tom Cruise si impone come protagonista semi-serio, perennemente diviso tra l’impegno in coreografie mozzafiato stile Mission: Impossible ed il tentativo di smorzare costantemente la tensione con battute e mimica facciale. Fortunatamente Sofia Boutella è un buon villain, principessa seducente e crudele che riesce a suscitare perfino una certa empatia, pur non toccando minimamente la tragicità di Boris Karloff o perfino di Arnold Vosloo; meglio sorvolare sull’altra protagonista femminile, un’insopportabile Annabelle Wallis che ha l’unico effetto di aumentare nel pubblico le simpatie per la mummia. Quasi inesistenti i comprimari, con un Crowe che mantiene un certo fascino ma che convince fino a un certo punto (al solito, molto più simpatico Hyde di Jekyll, nonostante un CGI decisamente povero), ed un Jake Johnson versione spalla comica che viene modellato sul Griffin Dunne di Un lupo mannaro americano a Londra. Lo spettacolo non manca, il ritmo tiene, e fino a un finale che tracolla paurosamente in verticale La mummia segue anche una sceneggiatura solida per quanto canonica, ma da un reboot degli horror Universal era lecito aspettarsi qualcosina di più. Un horror, per esempio.

TITOLO ORIGINALE: The Mummy

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...