RICHIESTA: Venerdì 13 parte VIII – Incubo a Manhattan

VENERDÌ 13 PARTE VIII – INCUBO A MANHATTAN di Rob Hedden. Con Jensen Daggett, Scott Reeves, V. C. Dupree, Kane Hodder. USA, 1989. Horror.

Sequel di Venerdì 13 parte VII – Il sangue scorre di nuovo di John Carl Buechler, Venerdì 13 parte VIII – Incubo a Manhattan ha ricevuto una nomination ai Saturn Award ed una ai Golden Satellite Award. Il serial killer Jason Voorhees viene nuovamente riportato in vita, stavolta da due ignari studenti in procinto di imbarcarsi sulla nave Lazarus per raggiungere New York City in gita scolastica. Al posto loro sarà Jason che, come clandestino, si introdurrà sulla nave, pronto a continuare l’usuale mattanza nella Grande Mela, inseguendo gli sventurati ragazzi che gli sono sfuggiti a Crystal Lake.

Episodio “finale” dopo episodio “finale”, l’infinita saga di Venerdì 13 sforna un ennesimo film annunciato come l’ultimo della serie, affidandolo all’esordiente Rob Hedden. Venerdì 13 parte VIII – Incubo a Manhattan parte con l’apprezzabile intenzione di cambiare le carte in tavola, sfuggendo la soporifera ripetitività della saga spostando l’erculeo Jason dal solito Crystal Lake e portandolo nel cuore di Manhattan; al momento in cui Hedden e Victor Miller decidono però di ripetere passo passo le stesse dinamiche dei film precedenti semplicemente con un fondale diverso, peraltro lasciando New York al livello di “comparsa” senza personalità né vera capacità di influire sulla medesima, identica vicenda del killer a caccia di adolescenti più o meno arrapati, allora qualsiasi buona intenzione rimane fuori dalla sala di produzione. Sorvolando sul fatto che non ci sia il minimo motivo per cui il silenzioso Jason di Kane Hodder decida improvvisamente di cambiare territorio di caccia, di positivo c’è da notare che, per una volta, la sceneggiatura tenta, pur con scarso successo, di caratterizzare un po’ di più i vari personaggi, anche quelli destinati dalla primissima sequenza ad essere carne da macello, fornendo quel tanto di delineazione in più che permette quantomeno di distinguerli l’uno dall’altro. Hedden tenta anche di riportare in gioco almeno un po’ dell’ironia di Jason vive di Tom McLoughlin, ma salvo un paio di episodi, nello specifico la presenza di uno zombi su una nave di nome “Lazzaro” e lo scontro tra Jason e il Julius di V. C. Dupree, il tono rimane mortalmente serioso, solo di poco superiore a quello della Parte VII. Non migliora la situazione una protagonista, Jensen Daggett, con una backstory a dir poco ridicola, risolta peraltro con un cammino psicanalitico spiccio che, andando alle radici della sua aquafobia, trova ulteriori nonsense e contraddizioni nelle apparizioni di un Jason bambino che non ha motivo di esistere, nei flashback come nella storia principale. Hedden poi non impara dagli errori dei predecessori e torna a smascherare Jason, stavolta con un effetto anti-climax (e antiestetico) perfino peggiore de Il sangue scorre di nuovo, con il serial killer che sembra al più un tubero cattivissimo senza l’onnipresente maschera da hockey. Di simpatico rimane solo la sottile satira ai danni degli indifferenti newyorchesi, popolo abituato pressappoco a tutto: nella Grande Mela, anche un gigante mascherato e armato di machete come Jason passa del tutto inosservato. Per il resto, niente di nuovo nella infinita serie di ammazzamenti più o meno inventivi, nel solito branco di adolescenti idioti e di adulti ancor più idioti, nella risoluzione improbabile e nelle trame scritte su mezzo fazzoletto: se non il peggiore Venerdì 13 di sempre come era stato stroncato al momento dell’uscita, sicuramente uno dei più trascurabili, ammorbato da una stanchezza che, dopo quelli che sono a conti fatti sette remake dello stesso film, è ormai insostenibile. Fortuna che, dopo questo obbrobrio, il testimone della saga passerà dalla Paramount alla NewLine.

TITOLO ORIGINALE: Friday the 13th Part VIII: Jason Takes Manhattan

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...