AL CINEMA: Annabelle 2 – Creation

ANNABELLE 2 – CREATION di David F. Sandberg. Con Talitha Bateman, Lulu Wilson, Stephanie Sigman, Anthony LaPaglia. USA, 2017. Horror.

Prequel di Annabelle di John R. Leonetti, Annabelle 2 – Creation è vagamente ispirato alle memorie di Ed e Lorraine Warren. I coniugi Mullins perdono in un tragico incidente la figlioletta Annabelle. Dodici anni dopo, i due decidono di mettere la propria grande casa a disposizione della Chiesa, che ne fa un orfanotrofio per ragazze. Una delle nuove ospiti, Janice, impossibilitata a camminare normalmente dai postumi della poliomielite, trova in una stanza nascosta una bambola, rinchiusa in uno sgabuzzino tappezzato di pagine della Bibbia. Per lei e per le altre ragazze è l’inizio di un orrore che i Mullins conoscono da tempo…

La serie di The Conjuring inaugurata da James Wan, basata sulle memorie della coppia di consulenti Ed e Lorraine Warren, è tra le più interessanti dell’horror commerciale degli ultimi tempi, ma era bastato uno spin-off per mantenere desto l’interesse solo per la serie principale. John R. Leonetti, regista nato e cresciuto nella serie Z, aveva infatti firmato l’imbarazzante Annabelle, che avrebbe dovuto raccontare le origini della mefitica bambola del primo Conjuring, ignorando però tutta la mitologia creata da Wan e presentando un filmetto noioso, imbarazzante e contraddittorio, neanche lontanamente all’altezza del modello originale. La New Line, però, non abbandona la presa, e dopo aver sostituito Leonetti col David F. Sandberg di Lights Out, prova a “rimediare” con un prequel al prequel che giustifichi tutte le incongruenze del primo Annabelle. Per quanto goffamente, in effetti, la nuova sceneggiatura di Gary Dauberman tenta di legare le due diverse origini della malefica bambola, posseduta nel film originale da un demone vero e proprio e nel prequel da una “bambina cattiva” (con la poco originale e sensata soluzione della bambina posseduta dal demone di cui sopra, un effetto matrioska involontariamente comico); origini a parte, la storia comunque non decolla, rimane inabissata in un’aura da politicamente corretto decisamente controproducente, e risulta sufficientemente prevedibile da essere noiosa. Tutt’altra storia invece per la regia, che fortunatamente si distanzia in positivo da quella di Leonetti: non sostenuto in alcun modo da una trama risibile, Sandberg si concentra sul versante estetico, confezionando un prodotto pregevole che, per quanto non si allontani mai troppo dal modello del baraccone da luna park, conserva una buona efficacia. Dopo un incipit che rimanda a Puppet MasterCreation continua sulle note di Suspiria, e come Dario Argento prima di lui Sandberg ha la buona intuizione di mantenere tutto il film “ad altezza di bambino”, riportando l’horror ad una dimensione infantile e fiabesca, tanto più efficace quanto più è irrazionale; di nuovo, purtroppo, quello che funziona a livello visivo fa acqua da tutte le parti sotto l’aspetto narrativo, e l’età delle protagoniste non basta a giustificarne la stupidità. Le attrici bambine sono sufficientemente brave, per quanto penalizzate da un doppiaggio non proprio all’altezza, mentre gli adulti sono del tutto ininfluenti, poco più che comparse in un film che li relega a comparse più idiote che maligne. Annabelle 2 – Creation salva il salvabile in quanto a collegamenti con Conjuring, e mette anche le basi per il prossimo The Nun di Corin Hardy, terzo prequel-spin-off della serie, ma preso come film a sé stante non va oltre la (scarsa) media degli horror estivi, una collezione di salti sulla poltroncina telegrafati che non sa mantenere una tensione costante e che si limita a qualche “BUH!” ben piazzato e a qualche chicca per gli affezionati (appare in un “cameo” la Annabelle “originale”). Per quanto del tutto trascurabile, Annabelle 2 risulta molto migliore di quanto effettivamente non sia solo grazie al confronto con l’orrido predecessore.

TITOLO ORIGINALE: Annabelle: Creation

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...